Seguici su:

Disturbi del sonno e alimentazione: qual è la correlazione?

Disturbi del sonno e alimentazione: qual è la correlazione?

Mens sana in corpore sano. 

Conoscevi già questo detto? Se anche tu soffri da tempo di disturbi del sonno e ti chiedi quali siano le cause, forse non hai mai considerato l’idea che ci possa essere una correlazione con il tuo stile di vita, o meglio, tra il sonno e l’alimentazione

Quando abbiamo un fastidio o qualche disturbo di natura psico-fisica, spesso la soluzione è più semplice e raggiungibile di quanto si pensi. Il primo suggerimento risiede proprio nel proverbio latino sopracitato, attuale allora come oggi. 

Perché in realtà è proprio così: mente e corpo sono strettamente collegate. Mi spiego meglio. 

Il nostro organismo è come un intricato meccanismo composto da tante parti, ognuna con la propria funzione ma tutte collegate tra loro. È proprio per questo che, il più delle volte, se viene intaccata una di quelle parti, ne risente tutto il corpo. 

Specificato e chiarito questo legame imprescindibile, vediamo come alimentazione e sonno siano collegate fino a influenzarsi reciprocamente.  

Disturbi del sonno: l’alimentazione tra le cause dirette

Ebbene sì, l’alimentazione ha un’influenza sulla quantità e sulla qualità del sonno negli esseri umani.

Ciò che si è abituati a mangiare, il tipo e la quantità di cibo che mangiamo, la combinazione di alimenti: tutto può provocare disturbi del sonno.

Ecco alcuni consigli per riequilibrare le abitudini alimentari e ritrovare il benessere psicofisico:

  • Evitare di mangiare in fretta. Mangiare rapidamente comporta effetti negativi sula digestione la quale sarà lenta e influirà anche sulla qualità del sonno.
  • Non saltare i pasti. L’assenza di regolarità nei pasti può intaccare il ritmo circadiano che controlla la liberazione degli ormoni implicati nella regolazione del ciclo sonno/veglia.
  • Mangiare leggero la sera e non condire eccessivamente le pietanze. Le cene abbondanti o ricche di grassi comportano difficoltà ad addormentarsi, causa di una digestione più lenta.
  • Evitare sostanze eccitanti come spezie, alcol, cioccolata, caffè, coca cola e fumo, colpevoli della diminuzione della sintesi della serotonina (ormone fondamentale nell’induzione del sonno) ma favorenti della produzione di adrenalina (ormone che contrasta il sonno).

Se un’alimentazione sana e corretta non ti manca e cerchi altre risposte sulle cause dei disturbi del sonno, potrebbe interessarti anche: “Disturbi del sonno: tipologie e possibili rimedi

Non riuscire a dormire: cosa accade a lungo andare?

Come reputi il tuo stile di vita? La tua la consideri un’alimentazione sana e corretta?

Se ti ritrovi a leggere questo articolo vuol dire che stai soffrendo di problemi del sonno. Da un mese o da un anno che sia, convivere con una frequente deprivazione del sonno può comportare una serie di disagi tipo:

  • Astenia (forte e protratta stanchezza anche diurna);
  • Disturbi dell’attenzione, della concentrazione e della memoria (sia a lavoro che a scuola);
  • Disturbo dell’umore e propensione alla depressione (a lungo andare);
  • Ansia e irritabilità dalla facile insorgenza.

Va da sé che protrarre più del dovuto questa condizione di deprivazione del sonno possa portare a cronicizzazioni. Per evitare una situazione simile è bene seguire i consigli elencati nel paragrafo precedente, attendere che il ritmo circadiano si riassesti e ritornare a quel benessere psicofisico naturale. 

Se il tuo non riuscire a dormire è diventato parte costante della tua quotidianità e, seppur utilizzando queste accortezze, pensi che le cause dei disturbi del sonno siano altre, allora è necessario effettuare una visita per valutare la presenza di problematiche ostruttive e la loro eventuale soluzione medica o chirurgica. 

Rivolgiti ad un Chirurgo Maxillo – facciale come Fabio Filiaci, specialista dei disturbi del sonno. PRENOTA IL TUO APPUNTAMENTO compilando il form contatti e invia la tua richiesta. Ti ricontatteremo il prima possibile.

Fabio Filiaci
Articolo pubblicato da:
Fabio Filiaci
Laureato nel 2003 in Medicina e Chirurgia presso La Sapienza Università di Roma, si è in seguito specializzato in Chirurgia Maxillo-Facciale con una tesi sulle malformazioni maxillo-facciali e i disturbi respiratori del sonno.
Prenota subito una visita online

Prenotare un appuntamento con il Dott. Fabio Filiaci, in maniera semplice e veloce.